Riepilogo delle procedure d’acquisto

  • Procedure negoziate previa consultazione
  • Procedure di affidamento diretto motivato
  • Procedure aperte
  • Procedure ristrette
  • Procedure di dialogo competitivo
  • Procedure negoziate senza previa pubblicazione di bando
  • Procedure di acquisto tramite strumenti di centralizzazione (MEPA)

Acquisti di importo inferiore a 40.000 euro

Le Linee Guida dell’ANAC prevedono due procedure d’acquisto in funzione dei beni da acquistare e dell’importo di base della gara:

1) Procedura negoziata previa consultazione di più operatori: prevede che i fornitori presentino delle offerte all’Amministrazione locale e si proceda a una gara.

  • Se il bene è presente sul Mercato Economico della Pubblica Amministrazione (MEPA), le offerte vengono richieste tramite l’invio di Richieste d’Offerta (RdO) ai fornitori abilitati.
  • Se il bene NON è presente sul MEPA, viene attivata una procedura negoziata con pubblicazione dell’avviso di manifestazione d’interesse e, a seguire, lettere di invito protocollate.

2) Affidamento diretto motivato: prevede che le aziende inviino dei preventivi all’Amministrazione locale, anche in maniera informale tramite email.

  • Se il bene è presente sul MEPA, si può utilizzare la Trattativa diretta per richiedere i preventivi ai fornitori, avvisando preventivamente l’Amministrazione.
  • Se il bene NON è su MEPA, il Responsabile Unico del Procedimento (RUP) interpella più fornitori e si fa inviare i preventivi.

Va ricordato, inoltre, la deroga all’obbligo del MEPA se un bene o un servizio è funzionalmente destinato all’attività di ricerca.

 

Procedura per l’affidamento diretto motivato

La procedura richiede innanzitutto la nomina del RUP e la determina a contrarre. In seguito, il RUP verifica la presenza dei seguenti requisiti:

  • l’acquisto non si riferisca a: energia elettrica, gas, carburanti, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e mobile, buoni pasto, beni o servizi informatici;
  • non sia un lavoro/bene/servizio previsto da una Convenzione CONSIP (o che le caratteristiche essenziali non siano idonee);
  • non vi sia possibilità di attingere ai fornitori di gare nazionali effettuate dall’INFN;
  • non si stia frazionando artificiosamente gli acquisti;
  • l’acquisto non sia presente sul MEPA o
  • si tratti di bene o servizio funzionalmente destinato all’attività di ricerca (deroga a obbligo MEPA).

Se non ricorre nessuno di questi casi, il RUP stacca lo smart CIG e procede all’affidamento diretto motivato. Dopo aver confrontato i preventivi di spesa il RUP elabora una relazione esplicitando le motivazioni della scelta, particolarmente relative e due aspetti:

a) perché ha invitato quei soggetti (rispetto dei principi di concorrenza e rotazione, vedi Circolare 23.11.2016)

b) perché ha scelto quel soggetto affidatario tra i vari proponenti (in relazione all’economicità dell’affidamento, soprattutto se si tratta di fornitore uscente, vedi Circolare 23.11.2016).

 

Modulistica
Richiesta di preventivo

Elenco dei RUP per categorie merceologiche

Workflow nuove procedure d’acquisto

Criteri di aggiudicazione

NEW!

Link utili
CONSIP/MEPA

Nuovo portale acquisti RDA

IMPORTANTE! Per assistenza TECNICA: aprire ticket sotto Portale e Servizi web (Area) e Ciclo Acquisti (Applicazione)

NEW!

CIRCOLARE SU GARE TELEMATICHE-signed

RegoleSistemaDiEprocurementGiugno2018__

Manuale d’uso Attività di esame delle offerte delle procedure svolte in modalità smaterializzata

Manuale d’uso per le Funzionalità del Responsabile del Procedimento

Manuale uso Configurazione di una procedura nel sistema informatico di e-procurement