E’ stata inaugurata il 14 maggio a Venezia la conferenza internazionale di fisica Quark Matter 2018 a cui partecipano circa 900 ricercatori provenienti da tutto il mondo e organizzata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) con il patrocinio dell’Università di Padova e la collaborazione di numerosi altri atenei italiani. La conferenza, giunta alla 27 edizione, è dedicata alla presentazione delle ultime ricerche sulla fisica del Plasma di Quark e Gluoni, lo stato della materia di cui era composto l’Universo subito dopo il big bang prima che si formassero le particelle di cui sono fatti i nuclei degli atomi. Per studiare questo stato primordiale della materia i fisici usano acceleratori di particelle, come il gigantesco LHC del CERN di Ginevra a cui lavorano centinaia di ricercatori italiani coordinati dell’INFN, in grado di accelerare e far scontrare nuclei pesanti a energie elevatissime riproducendo condizioni simili a quelle dell’universo appena nato.

Qui il resto della news